Home Pubblico La rutilante giostra di Messina, fra condannati e candidati ombra

La rutilante giostra di Messina, fra condannati e candidati ombra

by ganesh5557@gmail.com

MESSINA – “Piove? No, non piove…”. Maurizio Croce scruta il cielo e allontana le nubi. La chiusura della campagna elettorale è salva, Anna Tatangelo può riscaldare piazza Duomo e a lui, candidato di un centrodestra diviso nella città che si è innamorata dei sindaci formato Masaniello, non resta che chiudere lo show indossando un cappellino che ironizza sull’avversario più temuto, l’uscente Cateno De Luca, detto “Scateno” per via di una certa tendenza – diciamo così – ad andare sopra le righe: sopra, sul volto effigiato di “Scateno”, c’è un naso da Pinocchio. Evviva.

Degno finale di una campagna elettorale da avanspettacolo, iniziata con la serenata del suddetto De Luca al deputato Nino Germanà, per convincere la Lega a...

Continua a leggere - La rutilante giostra di Messina, fra condannati e candidati ombra

repubblica.it

You may also like